La torta di Nonna Papera: Apple Pie

Avete presente quando una canzone continua a risuonarvi in testa, come un chiodo fisso? Ecco, si dà il caso che la melodia che risuonava  nella mia testa, non da giorni, ma da alcuni anni era quella di qualcuno che, spinto da una incontenibile golosità e curiosità di assaggiare il famoso dolce americano, continuava a ripetermi: “Mi piacerebbe tanto assaggiare quella torta di mele; sai quella che Nonna Papera esibiva con grande soddisfazione in ogni fumetto di Topolino? Quella con la cupola di pasta sopra!”

nonna-papera

Dopo anni, eccomi qui ad accontentare la richiesta! Che grande sacrificio, non pensate? 😉 Desiderosa di soddisfare appieno il mio goloso, mi sono cimentata nell’ardua ricerca della vera ricetta dell’apple pie, il classico della pasticceria a stelle e strisce dopo la cheesecake. Ricerca ardua perchè ne esistono tante varianti … “tutto il mondo è paese” e, come ogni famiglia italiana ha la sua chicca segreta per la riuscita di una particolare ricetta della tradizione, in America ogni famiglia ha la sua variante per la preparazione di una squisita apple pie (sicuramente diversa dalla nostra torta di mele).

Si tratta di uno squisito scrigno di pasta simile alla brisèe che racchiude all’interno un ricco ripieno di dolcissime mele. Pur trattandosi di un dolce americano, la sua storia ha origine in Inghilterra. Furono infatti i coloni inglesi che, nel XVII secolo, esportando i semi di mele nel Nuovo mondo, promossero l’ingresso sulle tavole americane dell’apple pie. Avete mai avuto l’occasione di assaggiare i Cornish pasty? Sono una sorta di street food molto popolare in Cornovaglia, molto simili nella forma ai nostri panzerotti. Preparati con farina, burro e acqua, questi deliziosi fagottini di sfoglia racchiudono caldi ripieni che accontentano ogni palato. Nella tradizione inglese fungevano da “schiscetta”; ogni moglie era infatti dedita a prepararne al marito per la pausa che spezzava le lunghe giornate trascorse in miniera.

Ecco, forse si può azzardare nel dire che “il dolce americano” è la versione dolce dei cornish pasty il cui ricordo… beh ma, bando alla nostalgia! 😉

La preparazione dell’Apple pie non è laboriosa ed il risultato, con la sua bontà, vi delizierà.

Ecco la ricetta!

Ingredienti:

PER LA PASTA

  • 225 gr burro freddo di frigorifero
  • 450 gr di farina 00
  • 1 pizzico di sale
  • 100 gr di acqua fredda

PER IL RIPIENO

  • 1 kg di mele Golden delicious pulite
  • 1 limone
  • 100 gr zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • q.b. di noce moscata grattuggiata
  • zenzero grattuggiato q.b

Preparazione:

Disponete a fontana la farina ed aggiungete il pizzico di sale. Al centro unite il burro freddo a pezzetti. Iniziate ad impastare ed aggiungete man mano l’acqua fredda. Continuate fino ad ottenere un impasto liscio. Ricopritelo con la pellicola trasparente e riponete in frigo per 20 minuti.

Procedete alla preparazione del ripieno e con pazienza sbucciate le mele. Tagliatele a pezzetti non troppo piccoli. In una padella bassa aggiungete le mele, lo zucchero, la noce moscata, la cannella , la scorza di limone ed una noce di burro; fate cuocere fino a che non vedrete formarsi un velo di caramello. Le mele dovranno rimanere croccanti all’interno e morbide all’esterno. Spegnete e lasciate intiepidire.

Imburrate una tortiera da crostata di circa 25 cm. Trascorsi 20 min, togliete l’impasto dal frigorifero e stendetelo con un mattarello allo spessore di circa 6 mm. Foderate la tortiera con lo strato di pasta steso e versate all’interno il ripieno di mele caramellate. Stendete il secondo strato di pasta e ricoprite. Sigillate i bordi dando dei leggeri pizzicotti alla pasta in modo da unire il fondo con la copertura.

Con la pasta rimanente decorate a piacere; io ho creato delle piccole foglie al centro della torta. Spennellate la pasta con latte vaccino e procedete alla cottura.

In forno statico preriscaldato a 200°C per i primi 20 min. Togliete dal forno e spennellate una seconda volta con il latte; riponete nuovamente in forno per altri 20 minuti abbassando la temperatura a 180°C. Trascorsi 20 min spennellate con il latte per l’ultima volta riponendo la teglia in forno a 170°C per gli ultimi 20 minuti.

Lasciate che la torta si raffreddi in forno. Una volta fredda sfornatela e servitela nella tortiera. É una vera delizia credetemi… servitela tiepida con una pallina di gelato alla vaniglia; per la conservazione non preoccupatevi… non durerà molto! 😉

img_4447

fullsizerender-31

Arrivederci alla prossima ricetta! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...